Incentivi e Certificati Bianchi

Incentivi e certificati bianchi

Il meccanismo dei Certificati Bianchi (una “invenzione” italiana) è stato salutato come un’intuizione geniale di promozione dell’uso razionale dell’energia, tale da suscitare grande attenzione sia a livello europeo che internazionale. È stato preso a modello all’estero (in particolare in Francia e in Inghilterra) ed è stato riconosciuto come valido anche dall’Unione europea.

 

Il sistema dei Certificati Bianchi

Il sistema di incentivazione noto come “Certificati Bianchi” (il cui nome tecnico è Titoli di Efficienza Energetica, TEE) è operativo dal 2005.

Si tratta di un complesso meccanismo che prevede “obblighi” a carico dei distributori di energia elettrica e gas naturale, combinati con “benefici” offerti a soggetti che realizzano gli interventi di riduzione e miglioramento negli usi finali di energia.

Schematicamente:

  • beneficiari: ai soggetti che realizzano interventi di efficienza energetica (certi e misurabili), viene rilasciato un ammontare di Certificati Bianchi pari al risparmio di energia realizzato (un Certificato per ogni Tep risparmiato).
  • soggetti obbligati: ai maggiori distributori di energia elettrica e gas naturale è richiesto (per legge) di ottenere il risparmio di una ben definita quota di energia. Essi possono provvedere direttamente a effettuare interventi di efficienza energetica presso i propri clienti, ottenendo i Certificati Bianchi corrispondenti. Se non lo fanno, o lo fanno parzialmente, devono comperare Certificati Bianchi in quantità corrispondente alla quota non ottenuta.

I soggetti che hanno diritto ai Certificati Bianchi (i beneficiari) sono, oltre ai soggetti obbligati, anche  alcune tipologie di operatori intermedi in grado di “gestire” sufficienti quote di consumo finale e dunque di organizzare interventi di risparmio energetico su scala sufficiente. Sono questi soggetti che vendono i propri Certificati ai soggetti obbligati che non raggiungono la propria quota. 

Nota bene: ai distributori obbligati viene riconosciuto un contributo in denaro a parziale copertura dei costi da loro sostenuti per la realizzazione degli interventi di efficienza energetica o per l’acquisto dei Certificati Bianchi. 

Richiedici un preventivo

PrivatoAzienda

L'evoluzione del sistema

Con l’intento di adeguare il sistema dei Certificati Bianchi alle strategie definite nei Piani nazionali per le fonti rinnovabili e per l’efficienza energetica pubblicati dal Governo in vista degli obiettivi previsti dal Pacchetto Energia-Clima 20-20-20, il sistema ha subito diverse revisioni:

  • la prima a novembre del 2011, quando l’Autorità ha avviato una revisione complessiva della regolazione tecnica del meccanismo, modificando le Linee guida. Le nuove disposizioni sono rimaste in vigore dal 1° novembre 2011 al 3 gennaio 2013;
  • la seconda nel gennaio del 2013, quando con il Dm Sviluppo economico 28 dicembre 2012, entrato in vigore il 3 gennaio 2013, sono stati definiti gli obiettivi di risparmio energetico per le imprese di distribuzione di energia elettrica e gas per gli anni 2013-2016 e un’ulteriore revisione del meccanismo;
  • infine, la terza ad aprile 2017 con il Dm Sviluppo economico 11 gennaio 2017, entrato in vigore il 4 aprile 2017, che ha definito gli obiettivi di risparmio energetico per gli anni 2017-2020 e un’altra revisione del meccanismo.

Con l’emanazione del Dm 5 settembre 2011, è stata introdotta un’altra forma di Certificati Bianchi riconosciuti esclusivamente alla Cogenerazione ad alto rendimento. Tali Certificati sono assolutamente analoghi ai precedenti, ma hanno qualche caratteristica diversa: sono attribuibili anche ai semplici produttori e hanno diritto al ritiro da parte del Gestore dei servizi energetici (GSE).
Per maggiori informazioni vedi voce “Certificati Bianchi CAR” nel menu di destra.

Tra legge e mercato

L’elemento innovativo di questa forma di incentivazione è che in esso si miscelano elementi regolati direttamente dalla legge (appunto il fatto che esistano degli obblighi e dei benefici regolati da specifiche norme), e aspetti che invece sono affidati al mercato (quello appunto dei Certificati Bianchi, il cui prezzo si definisce grazie all’incontro tra domanda e offerta).

Quindi:

  • lo stato stabilisce gli obiettivi di risparmio energetico da conseguire,
  • lo stato stabilisce i benefici per i risparmi ottenuti,
  • chi è sottoposto a obblighi per certe quantità, se non li rispetta, deve acquistare Certificati Bianchi,
  • il prezzo dei Certificati Bianchi che vengono commercializzati sul mercato dei TEE non è fissato, ma è stabilito dall’incontro tra la domanda e l’offerta di mercato.

Bisogno di aiuto?

Sei interessato alle nostre soluzioni e desideri parlare con un nostro consulente?